Il controllo di gestione in azienda – Parte 2: la definizione dei centri di analisi

//Il controllo di gestione in azienda – Parte 2: la definizione dei centri di analisi

Il controllo di gestione in azienda – Parte 2: la definizione dei centri di analisi

Il controllo di gestione in azienda: la definizione dei centri di analisi.

In questo articolo vedremo come definire i centri di analisi in azienda per capire dove e come vendono generati i costi e i proventi aziendali.

I centri di analisi hanno un ruolo fondamentale nel sistema di controlli di gestione e devono rappresentare le entità aziendali nelle quali si consumano i fattori produttivi e vengono creati i prodotti o i servizi destinati alla vendita e l’insieme dei centri di analisi e delle relazioni. Tra di loro costituisce il piano dei centri.

Possiamo catalogare i centri di analisi in due macro aree: i centri di costo e i centri di profitto.

I centri di costo a loro volta li possiamo distinguere in centri produttivi, ausiliari e funzionali:

  • I centri produttivi raccolgono i costi sostenuti dall’azienda per l’attività di produzione;
  • I centri di costo ausiliari raccolgono i costi relativi alle funzioni di supporto degli altri centri. I loro costi vengono poi ripartiti sui centri di costo produttivi che supportano, ad esempio quelli relativi al reparto IT oppure al reparto di manutenzione o al servizio di qualità ecc…;
  • I centri di costo funzionali invece rilevano i costi generali per il funzionamento dell’azienda, come l’amministrazione, i servizi commerciali ecc…

Per quanti riguarda invece i centri di profitto, questi sono centri che prevedono la rilevazione dei costi e dei ricavi e possono essere utilizzati per analizzare una linea di prodotti oppure una tipologia di commessa: sono i centri con i quali andiamo a determinare la redditività della produzione dell’azienda.

Facciamo l’esempio per un’azienda di servizi come la nostra, potremmo ipotizzare un piano dei centri come il seguente:

  • Amministrazione: centro funzionale che aggrega i costi sostenuti per il funzionamento dell’azienda;
  • Commerciale: centro ausiliario che aggrega i costi per la gestione dei processi di vendita;
  • Gestione della struttura: centro ausiliario che aggrega i costi sostenuti per la gestione dei locali, le attrezzature ecc…;
  • Sistemisti applicativi: centro produttivo che aggrega i costi sostenuti per il personale dedicato alla gestione dei software applicativi;
  • Software Professionale: centro di profitto che aggrega i costi e i ricavi relativi ai software gestionali per professionisti venduti;
  • Software Aziendale: centro di profitto che aggrega i costi e i ricavi relativi ai software gestionali per aziende venduti.

Sempre a titolo di esempio se analizziamo i centri definiti possiamo indicare i costi e i ricavi in base al piano delle voci nel seguente modo:

  • Centro di costo Amministrazione, rileviamo i costi relativi a:
    • Assicurazioni
    • Spese bancarie
    • Consulenze fiscali / legali
    • Compenso amministratori
    • Rimborso spese amministratori
  • Centro di costo ausiliario, rileviamo i costi relativi a:
    • Materiali di consumo
    • Manutenzione attrezzature
    • Energia elettrica
    • Servizi internet
    • Esercizio autovetture
  • Centro di costo produttivo Sistemisti applicativi, rileviamo i costi relativi a:
    • Personale
    • Rimborsi spese
    • Telefonia mobile
  • Centro di profitto software professionale, rileviamo i costi e i ricavi relativi a:
    • Licenze d’uso (costi e ricavi)
    • Assistenza tecnica
    • Consulenza
    • Addebiti vari a clienti

La somma di tutti i totali di centro dà come risultato l’operativo dell’azienda, che deve coincidere quanto più possibile con il bilancio di verifica dell’azienda.

Come per la contabilità generale, anche per la contabilità analitica esiste un processo di chiusura, che fa sì che vengano trasferiti i costi dai centri ausiliari ai centri produttivi che hanno utilizzato il loro supporto in base a parametri decisi in sede di implementazione della contabilità industriale (superficie occupato , ore , fatturato ecc…). In questo modo verrà calcolato il costo “pieno” delle singole unità prodotte.

Nel prossimo articolo analizzeremo le commesse, che rappresentano lo strumento del sistema gestionale per avere un’analisi di dettaglio maggiore.

Per approfondire la tematica troviamoci ad ITincontra 2019!

Fabrizio Canevari
C2Web S.r.l.

By | 2019-06-07T09:55:10+00:00 luglio 9th, 2019|Aziende|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment